Notizie

Voci dalla Birmania

Lo scambio e il confronto tra i membri dell’Associazione per l’Amicizia Italia-Birmania e gli amici in Myanmar è quotidiano, soprattutto in questi giorni così difficili per il Paese. Riportiamo alcuni brevi messaggi:

Carissimi,

viviamo continuamente con voi. Il nostro pensiero, le nostre azioni sono per un futuro migliore.

Ci unisce lo stesso destino, abbiate fiducia.

Vi abbraccio con tutto il cuore.

Sempre con voi.

Mingalaba.

Albertina Soliani

e gli amici dell’Associazione per l’Amicizia Italia Birmania Giuseppe Malpeli

Lettera da un amico manager italiano che vive e lavora in Birmania:

 

Carissima Albertina,

 

mi ero riproposto di scriverti qualche settimana fa quando ho saputo della tua bellissima iniziativa di raccolta fondi per la Birmania, il “vaccino sospeso”. Avevo cercato notizie online ma non avevo trovato molto.

E poi a partire da metà gennaio siamo entrati in un climax di eventi il cui esito tutti ora conosciamo. 

Non mi preoccupa la sicurezza del personale espatriato, la chiusura dell’aeroporto o i focolai di violenza a cui con tutta probabilità assisteremo nei prossimi giorni. La cosa che più mi ha colpito, e mi fa star male, sono gli sguardi di paura e dolore dei birmani. Stamattina al mercato l’atmosfera era pesantissima, le mascherine non riuscivano a contenere la frustrazione e lo sgomento dei passanti, dei venditori, dei tassisti e degli studenti. Alcuni sembrava quasi che mi chiedessero che fare.

E’ presto per capire cosa comporterà questo cambiamento, molti tra i birmani attorno a me sono ancora frastornati e confusi da questi fatti che nessuno nemmeno immaginava fino a domenica.

Mi auguro che si riesca a trovare un accordo, anche grazie all’intercessione dei partner internazionali e dei tanti amici del popolo birmano, ma la cosa più’ importante ora è che tutte persone arrestate siano in salute.

 

Un abbraccio, e speriamo di risentirci con notizie più liete.

Cara Albertina,

Grazie mille per il vostro caloroso messaggio. 

I nostri sogni sono stati portati via. 

Grazie mille ancora.

Saluti

 

 

Grazie, questo significa molto.

 

Cara Albertina,

Apprezzo molto il vostro sostegno e il vostro essere con noi. Stiamo facendo del nostro meglio contro il colpo di stato. Stiamo cercando di avviare un movimento di disobbedienza civile per dimostrare che siamo contro il colpo di stato dei militari. Vogliamo che Aung Sann Su Kyi sia libera dalla detenzione e vogliamo che guidi il sistema democratico del nostro paese.

Per favore aiutateci.

Con i migliori saluti

Cara senatrice Albertina

Grazie mille per la vostra gentile e-mail.  Il vostro amore per il Myanmar e il popolo del Myanmar è molto apprezzato.

Speriamo il meglio per il Paese.

Saluti

Cara Albertina,

vi ringrazio molto. Vi auguro anche una migliore salute e felicità.

Cordiali saluti

Ciao nonna, spero che tu sia sana e salva.  Seguo molto la politica e ho riconosciuto quello che hai detto.  Hai detto che il futuro del Myanmar è al sicuro nelle nostre mani.  Ho riconosciuto quelle parole.  Tuttavia, il Myanmar ha molto da fare, le persone delle varie etnie chiedono un’amministrazione federale.  Questa è una questione che solo Amay Su (Daw Aung San suu kyi) può risolvere.  Deve essere rilasciata.  Speriamo ancora in miracoli, futuri, nonostante le parole di chi mi ha detto che è finita e che l’esercito governerà.  Lo scopriremo, faremo del nostro meglio.  Spero che tu sia sana, al sicuro dal covid.  Spero che ci rivedremo presto.

Un abbraccio forte 

Carissima Albertina,

 

Grazie per esserti ricordata di me e per aver aiutato il Myanmar.  Ho sentito e visto quanto ci provi per il Myanmar e per la libertà di Aung San Su Kyi.  In tutti questi giorni, non riusciamo a dormire a sufficienza né a mangiare bene.  Sono così stanca durante la seconda ondata di Covid, ma sono felice.  Ora non sto lavorando per mostrare la mia disobbedienza a un governo inaccettabile e sto a casa, ma mi sento così stanca e stressata.  Vorrei piangere, ma questa non è la soluzione.  Quindi, ci alziamo e troviamo i modi per contrattaccare il più possibile.  Protesto per strada, insieme ad altri medici e studenti di medicina.  Qualunque sia il risultato, lotteremo fino alla fine.  I militari sono tutti dietro queste violenze, sparatorie e arresti.  Le loro azioni sono così tanto senza regole e inaccettabili.  Niente più dittatura ma una  strada verso una vera democrazia è ciò che vogliamo.  Possano i nostri leader, Aung San Su Kyi e altre persone arrestate essere presto liberi.  Possa il nostro incubo finire presto.  E che tutti i birmani siano liberi dalla paura.  “L’unica vera prigione è la paura, e l’unica vera libertà è la libertà dalla paura”

 

Un forte abbraccio con il cuore spezzato

Cara Albertina,

Grazie per averci raggiunto e per il vostro continuo sostegno al popolo del Myanmar. La connessione internet e il telefono sono stati tagliati il primo giorno e sono tornati il giorno dopo. Stiamo tutti bene e ci opponiamo al colpo di stato militare in modo non violento. Buona giornata e state al sicuro!

Saluti

Cara Albertina,

 

Come stai e spero che tu stia bene. Eccoci nel quarto giorno sotto i militari. Abbiamo iniziato la “disobbedienza civile” in cui la maggior parte del personale governativo smette di andare al lavoro per fermare il sistema e dice loro che siamo contro di loro. Finora non ci sono state sparatorie quindi stiamo perfettamente bene fisicamente. Stanno iniziando a tagliare i social media, in particolare Facebook, perché è il modo in cui tutti noi comunichiamo. Voglio solo aggiornarti sulle ultime novità. La preoccupazione è minore e prenditi cura anche della tua salute. Spero che ce la faremo. Grazie per averci sempre supportato.

Cara mamma Albertina,

Grazie mille per le vostre gentili parole che sento molto energiche in questo momento così difficile.

Attendo con ansia il suo continuo sostegno e aiuto per il nostro futuro.

Cordiali saluti e preghiere per il vostro importante servizio.

Cara Albertina

Molte grazie per le vostre gentili parole.

I migliori auguri

Ciao

Mamma,

Come stai? 

Noi tutti ti vogliamo molto bene.  Siamo molto incoraggiati per il tuo amore per noi tutti.  Sei sempre con noi.  Crediamo che ci sarà grande cambiamento e ci sarà un bel futuro per la Birmania.  Preghiamo per ASSK e per tutti suoi colleghi e ci fidiamo nel Signore per affrontare le sfide. 

Mamma, grazie di cuore per il tuo bellissimo dono per la Birmania. 

Un grande abbraccio

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *