Il cardinale Charles Maung Bo: “Elezioni libere e trasparenti”

trasparentiYangon (Agenzia Fides) – Un voto libero e trasparente, foriero di una autentica democrazia; e che sia rivolto a candidati che costruiscono la pace, la riconciliazione, il bene comune: sono gli auspici espressi dal Cardinale Charles Maung Bo, Arcivescovo di Yangon, in un messaggio diffuso in vista delle elezioni dell’8 novembre. Si tratta delle prime elezioni libere da quando la giunta militare ha lasciato il potere, aprendo una nuova stagione politica nel paese.
“Cinque anni fa, un’alba della speranza proruppe nelle terre riarse della disperazione. Dopo decenni di sacrifici di sangue e lacrime, i miei fratelli e sorelle del Myanmar hanno gustato la democrazia” nota il Cardinale nel testo inviato all’Agenzia Fides. Pur ricordando che si tratta di una “democrazia controllata”, ha comunque portato “cambiamenti incoraggianti”, si afferma.
Il messaggio continua: “Attraverso questo appello, invito i governanti e il popolo a fare nelle prossime elezioni un vero esercizio di democrazia. Ma la democrazia è un viaggio lungo e faticoso. Governanti e governati hanno bisogno di accompagnamento reciproco in questo viaggio”.
“Il voto è un diritto fondamentale in una democrazia” afferma l’Arcivescovo, auspicando un’opera corretta e trasparente della Commissione elettorale. Si sofferma poi sui candidati, invitandoli a disporsi a “servire la nazione”, che è un “arcobaleno di tribù colorate e grandi religioni” e non a guardare interessi particolari.
A tal proposito, il Cardinale individua specifiche caratteristiche da rintracciare nei candidati, come linee guida per gli elettori: votare quanti “spianano la strada per la riconciliazione nazionale e la pace”, operano “salvaguardando le risorse naturali del paese”, promuovono lo sviluppo integrale dei bambini e dei giovani, creando opportunità di lavoro. Si pone l’accento su coloro che “costruiscono un sistema economico inclusivo che è utile soprattutto per i più vulnerabili”, e un sistema di istruzione a beneficio di tutti i gruppi etnici. Infine si chiede attenzione a “una cultura della democrazia che promuova attivamente i diritti umani, la libertà dei media”.
“Le elezioni – conclude – sono una grande opportunità. Lasciamo che la pace e la giustizia scorrano come un fiume, portando gioia e felicità a tutto il popolo”. (PA) (Agenzia Fides 25/09/2015)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *