L’ASSOCIAZIONE TORNA IN BIRMANIA

Cari Amici,

 

stiamo pensando al viaggio in Birmania del prossimo dicembre, organizzato dalla nostra Associazione per l’Amicizia Italia-Birmania Giuseppe Malpeli. 

Il terzo viaggio di amicizia che estende ed approfondisce il rapporto nostro e dell’Italia con il popolo birmano.

Aung San Suu Kyi ci attende. L’abbiamo incontrata in questi giorni a Roma, dove ha visto Gentiloni, Alfano, Prodi e ha aperto la Conferenza dei Parlamenti del mondo in occasione del G 7. Ha incontrato Papa Francesco.

Il nostro non è solo un viaggio turistico. E’ un modo per condividere il cammino del popolo birmano e il suo impegno per la democrazia.

Chi fosse interessato al viaggio è invitato a darcene subito comunicazione entro il 15 maggio.

I tempi ormai sono più che giusti.

Intanto vi diamo le prime informazioni.

Partiremmo il 27 dicembre 2017 con rientro il 6 gennaio 2018.

Da Malpensa via Dubai, con Emirates, e rientro Yangon-Dubai-Malpensa.

Il costo prevedibile è intorno a 3000 euro tutto compreso.

L’itinerario può prevedere Yangon, Naypyidaw, Bagan, Lago Inle e lo Stato Karen.

Contiamo di vederci molto presto con gli interessati per concordare insieme l’itinerario del viaggio.

Il periodo scelto per il viaggio è alta stagione. Per poter far in modo che il costo previsto sia intorno ai 3000 euro è necessario che ci comunichiate al più presto il vostro interesse.  In tempi brevi, che vi comunicheremo, sarà poi necessario versare una prima caparra.

Sarà con noi Virginia King, con la guida sul posto di Martin Tee. Con gli interessati al viaggio approfondiremo presto la nostra relazione con la Birmania perché il nostro viaggio è parte integrante di una storia grande e molto bella, iniziata con Giuseppe.

Tutti possono entrare in questa storia. Se lo desiderate potete diffondere questa iniziativa ai vostri amici e ai vostri contatti.

 

Con amicizia,

Albertina Soliani                                                         Il Presidente dell’Associazione   

                                                                                           Carlo Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *