Myanmar: 5 milioni di firme per Aung San Suu Kyi presidente

forpesidentYangon: l’opposizione del Myanmar ha raccolto quasi cinque milioni di firme, per una petizione vista come un passo verso la fine del divieto costituzionale su Aung San Suu Kyi corsa per la presidenza.

La Lega Nazionale di Suu Kyi per la democrazia (Nld) ha salutato la petizione, che ha raccolto un grande successo in tutto il paese, come parte dei suoi sforzi per modificare lo statuto del paese, che è stato redatto dall’ex giunta militare.

“Vediamo questa campagna come un grande successo”, ha detto il portavoce del partito Nyan Win ai giornalisti, aggiungendo che circa 4,9 milioni di persone avevano firmato il documento su circa 20 milioni di potenziali elettori.

L’appello, che è stato lanciato a maggio per i firmatari di età superiore a 18 anni, mirato ad eliminare una disposizione che attualmente garantisce all’esercito il diritto di veto su ogni emendamento alla costituzione. Il NLD ritiene che la clausola di revisione aprirà la strada ad ulteriori modifiche alle altre disposizioni costituzionali, compresa la percentuale di soldati in parlamento e l’impedimento di Suu Kyi a guidare il paese.
Così com’è, il premio Nobel è ineleggibile a causa di una clausola in vigore dal 2008, che impedisce a chi ha coniuge o figli stranieri, di candidarsi a guidare il paese. Aung San Suu Kyi ha due figli inglesi, come il defunto marito.
Per modificare la Costituzione ci deve essere il sostegno di una maggioranza di oltre il 75 per cento del parlamento.
I Soldati eletti costituiscono un quarto della legislatura e quindi hanno l’ultima parola.
La disputa sulla costituzione si presenta un punto importante da modificare in Myanmar in vista delle elezioni del 2015, che potrebbero portare il partito di Suu Kyi al potere.
Il presidente sarà poi eletto dal parlamento, dove Suu Kyi Attualmente è deputato come parte delle riforme di un governo quasi-civile, che è salito al potere tre anni fa.
Un comitato incaricato di suggerire modifiche alla costituzione, ha già detto che non prenderà in considerazione la petizione, anche se si ritiene probabile una modifica della soglia del 75 per cento.

Il Veterano attivista Ko Ko Gyi, il cui gruppo “generazione 88″ ha sostenuto la petizione, ha detto che il più grande vantaggio della petizione è stato quello di “risvegliare la coscienza politica” in un paese che languiva sotto il governo militare per decenni.


articolo completo su www.channelnewsasia.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *