La polizia mette sotto scorta Aung San Suu Kyi

Per la prima volta la polizia birmana ha deciso di dare protezione ad Aung San Suu Kyi, dopo le minacce di morte riportate dalla BBC l’11 febbraio.

Un dirigente della polizia ha detto alla BBC Burmese che un’unità speciale è stata assegnata alla protezione della leader della Lega Nazionale per la Democrazia.

Le minacce, fatte tramite un post su facebook; erano state formulate in riferimento alle ipotesi di imminenti cambiamenti alla costituzione per rendere possibile la nomina alla presidenza del Myanmar della signora Suu Kyi.

L’uomo che ha rivolto tali minacce di morte alla signora, Ye Lwin Myint, si è successivamente scusato. Tuttavia la minaccia è stata ugualmente presa sul serio.

“Non possiamo rischiare – ha aggiunto l’ufficiale della polizia – che accada qualcosa ad una persona di tale statura”.

Fino ad ora, la protezione della signora Suu Kyi è stata assicurata dal suo personale servizio di secutity, il quale peraltro continuerà a svolgere questo compito.

Quella della polizia rappresenterà una protezione aggiuntiva fuori dalla sua residenza.

(da Mizzima online 12/02/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *