Giovanni il “vetraio” della scuola di Rangoon in Birmania